L’esperienza incarnata

“Non di rado il corpo reagisce ammalandosi quando le sue funzioni vitali sono costantemente denegate. Tra esse vi è anche la fedeltà alla nostra vera storia”.

Alice Miller

Quando eravamo bambini, per essere amati come figli, siamo stati disposti a fare delle rinunce a volte anche dolorose, siccome la nostra vita dipendeva dagli adulti che si prendevano cura di noi, non avevamo scelta.

Ora che siamo adulti, per essere accettati dall’ambiente in cui viviamo, continuiamo a mettere in atto quelle stesse modalità, quelle stesse rinunce, ma oramai non ne siamo più consapevoli, abbiamo dimenticato.

Abbiamo dimenticato la delusione, nel constatare che i nostri genitori non erano così perfetti, abbiamo dimenticato la rabbia provata quando i nostri veri bisogni sono stati spesso ignorati e sostituiti da altri bisogni in nome dell’educazione, la dissonanza cognitiva ci ha permesso di adattare il nostro pensiero negando le emozioni che provavamo, la scissione che nasce da queste esperienze ci accompagna anche da adulti.

Ma il nostro corpo non dimentica, tensioni muscolari, amnesie, depressione, attacchi di panico, sono solo alcuni dei sintomi che ci invia, in attesa di essere ascoltato. A volte può farci capire se la strada che abbiamo intrapreso è davvero quella giusta per noi.

Il fallimento di moltissime terapie, si spiega con il fatto che in molti casi gli

stessi terapeuti non si sono mai liberati del cappio della morale tredizionale , predicando spesso il perdono come strumento di guarigione.

Ma la strada che porta all’età adulta non coincide con la tolleranza nei confronti delle crudeltà subite, bensì nel riconoscimento della propria verità, nell’attenzione empatica per il proprio bambino maltrattato.

Nel suo libro “La rivolta del corpo” Alice Miller racconta l’esperienza di una donna che durante una lunga psicoanalisi accusava dolori alle gambe che i medici non riuscivano ad imputare ad alcun motivo1.

Il suo analista, non credeva che i suoi ricordi di un abuso, subito da bambina da parte del padre, fossero reali.

Quando decise di interrompere l’analisi i dolori sparirono all’improvviso, il suo corpo le stava dicendo “qui non vai da nessuna parte!”

Il corpo è custode della nostra verità, poichè porta dentro di sé l’esperienza di tutta la nostra vita, potremo definirlo come “l’esperienza incarnata” che ci costringe attraverso i sintomi a interrogarci, a chiederci cosa non va.

Ma come fare a tradurre i nostri sintomi in messaggi comprensibili, cosa vuole il corpo da noi?

Spesso il linguaggio del corpo è simbolico come quello dei sogni, ci parla una lingua apparentemente incomprensibile, almeno fino a quando non decidiamo di aprire quella porta, di farci accompagnare attraverso quel passaggio che conduce verso la nostra parte più autentica e misteriosa.

Alice Miller parla spesso del “testimone consapevole”, può esserci nella nostra vita una maestra, un amico, una persona che ci guarda e ci vede per quelli che siamo, ci ascolta senza giudicarci e ci permette di “esistere” almeno nel tempo di quella relazione.

A volte invece dobbiamo essere noi ad attivarci nel cercare quel testimone, in questi casi un buon psicoterapeuta svolge la funzione di testimone consapevole e spesso può salvarci la vita.

1A.Miller “La rivolta del corpo” Raffaello Cortina Editore pag.63

Lascia un commento